Cervia da leggere : passeggiando tra luoghi e parole che hanno raccontato Cervia nella letteratura  

La Biblioteca  comunale di Cervia  ha  intrecciato  poesia e letteratura  con le passeggiate  patrimoniali rilanciate dall’Ecomuseo di Cervia: sono nate così le  quattro  passeggiateletterarie, grazie anche al contributo dell’Istituto regionale  per  i beni culturali e al sostegno dell’Associazione  Amici della  Biblioteca.

Ogni passeggiata letteraria  coniuga un tema o un avvenimento letterario con luoghi di Cervia- Milano Marittima  per sottolinearli con le  interpretazioni di attori attivi nei teatri romagnoli: Lelia  Serra da Longiano, Giuseppe Viroli  del Teatro degli Stracci di Cesena e  Nicoletta Fabbri del Teatro Le  belle bandiere di Russi. Li accompagneranno  con “giochi di lettura” alcuni lettori  che  hanno  frequentato un Laboratorio  guidato dall’attrice  di Longiano. Una guida esperta dell’Ecomuseo di Cervia  introduce ogni stazione con un racconto o una  notazione storica.

 

Dopo la partenza  inaugurale del 7 aprile  scorso a Milano Marittima, sarà il sale  il protagonista della  lettura  itinerante di sabato 12 maggio con partenza  alle  ore  16 davanti alla Torre  S. Michele per  concludersi, attraverso la  piazzetta dei salinari, all’ interno del Magazzino del sale  Darsena.  E’ questo lo scenario ideale  per  mettere  in scena la drammatica  storia di “messer Derigo”: i tagli obliqui di luce che  frugano tra  le  ombre di questa “cattedrale “ – custode secolare dei segni delle fatiche  e  dei suoni delle  voci dei salinari –  svelano a  poco a  poco il mistero che  avvolge il protagonista di Faccia di sale, il romanzo  storico noir,  ambientato a Cervia Vecchia da Eraldo Baldini ( edito da Fernandel). A ridar  vita a quella vicenda sarà la voce  recitante di Giuseppe Viroli accompagnato dai partecipanti al  Laboratorio “Giochi di lettura”, allenati da Lelia Serra.

Ad arricchire la  suggestione  del luogo ci sono i dipinti di Giuseppe Bedeschi  che  espone  le  sue grandi opere con il titolo “Ventre  delle barche” dal 14  aprile al 27 maggio.

Un invito alla  fotografia:  un’occasione imperdibile per chi vorrà immortalare questo momento con la fotografia: invitiamo tutti a partecipare con le  fotocamere, in particolare i fotografi per  passione  e  per  professione, che potranno consegnare il loro frammento di memoria alla  comunità prima  della  apertura del cantiere che vestirà in modo diverso lo spazio del Darsena.

La  partecipazione è gratuita ed aperta a  tutti.

E’ gradita la  prenotazione per  una  migliore accoglienza.                          T