Il Volontariato Europeo fa tappa a Cervia

Il Volontariato Europeo fa tappa a Cervia

Si è concluso dopo due anni a Cervia con grande partecipazione il progetto ‘EVOLAQ’, acronimo di Enhancing Volunteering Actions and Quality in Europe, dedicato allo scambio internazionale di buone pratiche nell’ambito del volontariato e co-finanziato dal programma dell’Unione Europea ‘Europa per i cittadini’.

Il Comune di Cervia è partner del progetto che comprende 9 organizzazioni, sia enti pubblici che associazioni, provenienti da 7 paesi europei tra i quali: i comuni di Norrköping e Skövde (Svezia), l’agenzia per lo sviluppo della Città di Dubrovnik (Croazia), la Provincia di Enzkreis (Germania), la città di Daugavpils (Lettonia), l’Associazione VGS di Linz (Austria), l’Associazione Liiveri di Ilmajoki (Finlandia) e dai comuni italiani di Cervia e Collecchio in collaborazione con il SERN (Sweden Emilia Romagna Network).

Le delegazioni presenti al meeting finale che si è svolto presso le Officine del Sale sono state ricevute dal sindaco Luca Coffari e dalla Delegata alla Pace e Cooperazione Internazionale Bianca Maria Manzi.

Le attività del progetto sono partite da due bisogni condivisi tra i partner. Da una parte la difficoltà nello sfruttare appieno il potenziale del volontariato tra giovani, anziani e persone con background etnico differente, dall’altra la volontà di migliorare metodi e processi, derivata dalla constatazione che l’immagine e la qualità del volontariato si differenzia di Stato in Stato anche in termini di qualità e di standard.

Sulla base di questi bisogni si è sviluppato un piano di attività da marzo 2016 a dicembre 2017. Nei nove incontri transnazionali, ospitati di volta in volta da uno dei partner, si è discusso in modo comparativo di alcuni punti chiave riguardanti il mondo del volontariato: la formazione e il reclutamento del volontario, la valorizzazione e certificazione del volontariato e il coordinamento tra enti pubblici e associazioni.

Due anni non sono nulla a confronto di tutti gli anni che i volontari e le varie Associazioni dedicano agli altri. Per questo, la strategia del Comune di Cervia si è posta l’obiettivo di mantenere unita la comunità e riavvicinare i cittadini alle proprie istituzioni locali, per risvegliare un ritrovato sentimento di apparenza e senso civico. Il volontariato è infatti da sempre un modo per attivare percorsi di valore sociale, perché impegnarsi per gli altri rende le persone migliori, più realizzate, genera riconoscenza e relazioni e garantisce una crescita del benessere di un territorio.

Grazie al progetto EVOLAQ  si è sviluppata la comprensione di come, sotto tante diversità di pratiche e visione, esista un valore comune presente ovunque: il bene dell’altro. Ed è così che nella diversità si è tutti più vicini e coesi.

Inoltre, grazie alla possibilità di toccare con mano gli esempi positivi di diverse realtà Europee, il sistema di Cervia ha potuto guadagnare preziosi metodi e strumenti da applicare su scala locale, al fine di rendere ancora migliori le pratiche relative ai tanti aspetti del volontariato.

Inoltre, grazie al progetto, è stata data la possibilità a tante realtà del Territorio di dare a loro volta il loro esempio su scala internazionale, trasmettendo il proprio know how e buone pratiche. Tra queste la Consulta del Volontariato, Un posto a Tavola, Condominio Solidale (Coop.Sole), Emporio Solidale, Sportello cittadini attivi, Informagiovani, Scambiamenti, Ragazzi del Servizio Civile Nazionale, Circolo Pescatori La Pantofla, e a tutti i volontari quali il musicista Mario Strinati, che partecipano alle varie attività sul territorio e che per l’occasione ci hanno regalato un sorriso o una testimonianza.

L’Ufficio stampa

Cervia, 19 dicembre 2017