Bitcoin sfonda quota 30 mila dollari, nuovo record

Il bitcoin sfonda quota 30 mila dollari. La più nota delle criptovalute ha guadagnato quasi il 6% nella giornata di oggi per raggiungere quasi 31.000, prima di tornare a circa 30.800 dollari.
    Nello scorso mese di dicembre il bitcoin era cresciuto di quasi il 50%. 

Intanto la prima settimana dei mercati targata 2021 sarà quella della ripartenza dalla lunga pausa per Capodanno, ben quattro giorni per Piazza Affari, e della verifica sui reali effetti della Brexit. Con un dato certo: nell’ultimo giorno dell’anno appena concluso la Borsa di Londra, rimasta aperta per metà seduta, ha ceduto oltre l’1,4% anche sugli interventi societari ai quali sono costretti i gruppi britannici, a partire dalle compagnie aeree. E con l’altra certezza rappresentata dall’ingente massa di appuntamenti macroeconomici in arrivo, incentrati su dati di industria, inflazione e disoccupazione, oltre che sulle politiche monetarie di Bce e Fed.

Le Borse europee, secondo diversi analisti, vivranno la prima parte del 2021 legate anche ai dati di vaccinazione anti Covid nei Paesi del Vecchio continente, ma nel primo giorno della settimana un indirizzo verrà fornito dal sondaggio in Germania e Gran Bretagna sui direttori degli acquisti del settore industriale. E anche dalla reazione del comparto bancario, per il quale entra in vigore il nuovo regolamento Eba sui requisiti di capitale, e dal movimento del petrolio con la riunione dell’Opec+.

E gli effetti reali della Brexit sono tutti da verificare, anche se la maggior parte dei report degli analisti vede ancora Borse solide in questo inizio 2021. Con l’attenzione anche sulla disoccupazione tedesca di dicembre e sull’indice Ism manifatturiero statunitense sempre del mese scorso, che saranno diffusi martedì. Il giorno dell’Epifania, quando tutte le principali Borse mondiali compresa Piazza Affari saranno aperte, è atteso invece il Pil della Gran Bretagna, ma soprattutto il primo discorso post Brexit del governatore della Banca d’Inghilterra, Andrew Bailey, e i verbali della riunione del Federal Open Market Committee della Fed. Giovedì tocca ai dati dei prezzi nella Ue e, in materia di politica monetaria, l’intervento della Bce. Poi solo dati macro: i sussidi di disoccupazione negli Usa e, l’ultimo giorno della settimana, il tasso di disoccupazione in Italia, oltre che negli Stati Uniti.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte