Capri premia ‘The Trial of the Chicago 7’ da Oscar

“The Trial of the Chicago 7” di Aaron Sorkin, sul processo agli attivisti contro la guerra in Vietnam accusati di aver causato gli scontri in occasione della convention dei democratici nell’agosto 1968, è il miglior film dell’anno per “Capri, Hollywood – The International Film Festival”. Ad annunciarlo è il musicista e membro dell’Academy Tony Renis con un Board che include, tra gli altri, i produttori Mark Canton e Marina Cicogna, i premi Oscar Bille August, Bobby Moresco, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo Alessandro Bertolazzi, Nick Vallelonga e Gianni Quaranta, Terry Gilliam, Michael Radford ed Enrico Vanzina. Quattro i riconoscimenti (con il migliore attore non protagonista Sacha Baron Cohen) per il film prodotto da Dreamworks e distribuito da Netflix (che in totale vince 13 Capri Awards). Miglior regista è Chloé Zhao per “Nomadland” interpretato e co-prodotto da Frances Mc Dormand. Migliori attori sono Anthony Hopkins per “The Father” e Sophia Loren per “La vita davanti a sè” di Edoardo Ponti premiato anche per la miglior sceneggiatura non originale, per la canzone, “Io si-Seen” di Diane Warren, Laura Pausini, Nicolò Agliardi, e con il premio umanitario. Tre premi per “Mank” di David Fincher (tra cui miglior attrice non protagonista ad Amanda Seyfried), “The United States vs. Billie Holiday” di Lee Daniels (incluso produttore internazionale 2020 Tucker Tooley), ‘Notturno’ di Gianfranco Rosi, che rappresenta l’Italia agli Oscar (Miglior Film Internazionale , Opera Europea dell’anno e Produttrice italiana 2020 – Donatella Palermo). Due premi per Minari (A24). Nell’animazione trionfa “Soul” (Pixar), tra i premi ‘tecnici’ onore a Carlo Poggioli per i costumi di “Waiting for The Barbarians”. Capri, Hollywood 25, promosso col sostegno del Mibact (Dg Cinema e Audiovisivo) e della Regione Campania è realizzato con Intesa Sanpaolo, Terna e Isaia e il patrocinio della Città di Capri, del Comune di Anacapri, Croce Rossa Italiana e Nuovo Imaie. Tra gli altri riconoscimenti, che come da tradizione anticipano la stagione degli awards internazionali, annunciati dal fondatore e produttore del Festival Pascal Vicedomini, anche ‘artista italo-americano’ dell’anno a Frank Langella, Nuovo Imaie “Italian Worldwide Award a Salvatore Esposito (Fargo) e Matilda De Angelis (The Undoing). Regista europeo 2020 è Thomas Vinterberg (Another Round). Capri People Award a Dito Montiel sceneggiatore di “Critical Thinkng” di John Leguizamo (“Capri Special Contest 2020”). Per il cinema italiano ad Antonio Capuano è stato premiato con il ‘Capri Peppino Patroni Griffi’ dal suo ‘allievo’ Paolo Sorrentino. Attori dell’anno Elio Germano (Volevo nascondermi) e Teresa Saponangelo (Il colpo in testa). Capri Art Award per Claudio Noce (Padrenostro) e Susanna Nicchiarelli (Miss Marx). Italian Breakout Film-Maker of the Year Award a Pietro Castellitto (I predatori). Capri Cult a “La verità su La dolce vita” di Giuseppe Pedersoli, “The Rossellinis” di Alessandro Rossellini e per i biopic “Paolo Conte – Via con me” di Giorgio Verdelli. Serie dell’anno “Vivi e lascia vivere” di Pappi Corsicato. Capri – Short Cut Web Series va a Plurals (Francesco Iezzi and Claudio Zamarion). Music Awards a Clementino (atteso sul set del nuovo film di Sergio Castellitto), Elodie (prossima co-conduttrice di Sanremo) e per gli ‘exploit’ di Diodato, Gaia e Bugo. Premi Amici di Capri – Teodorico Boniello a Vanessa Bryant (alla memoria del marito Kobe Bryant e della figlia Gianna), Stefano Lucchini, (presidente del Robert Kennedy Center for Peace and Justice – Italia) e a Danilo Iervolino (presidente dell’Università Telematica Pegaso). L’elenco completo dei premi è sul sito www.capri, hollywood.com
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte