Cervia. Al via la 4^ edizione del corso di formazione per Facilitatori Ecomuseali il 30 novembre il primo incontro

Riprendono il 30 novembre gli incontri per la formazione dei facilitatori ecomuseali organizzati dall’Ecomuseo del Sale e del Mare di Cervia

Saranno 8 momenti di approfondimento, aperti a tutti, che si svolgeranno da novembre 2017 a maggio 2018 dedicati ad argomenti inerenti attività, strategie e metodologie per il recupero e la valorizzazione della memoria del territorio. L’Ecomuseo di Cervia incontrerà altre realtà ecomuseali per uno scambio di esperienze legate alla memoria e alla valorizzazione del patrimonio culturale,del territorio, del paesaggio.

L’appuntamento del 30 novembre dal titolo “Tecnologie, linguaggi e strategie per il coinvolgimento delle comunità di eredità” si svolgerà presso la biblioteca MariaGoia dalle 20.30 alle 22.30. Si parlerà di strategie per il coinvolgimento delle comunità locali, ma verrà presa in considerazione anche l’idea di Patrimonio locale dal punto di vista dei migranti ovvero di persone che si sono integrate nella comunità locale pur avendo origini legate ad altri paesi. Si passeranno in rassegna quindi punti di vista diversirelativi alla eredità patrimoniale dei luoghi e della cultura. Verrà analizzato l’uso delle nuove tecnologie considerato come possano diventare strumenti importanti per la salvaguardia di beni e memoria con un focus sugli strumenti tecnologici di nuova generazione e il loro utilizzo nelle metodologie di formazione

A parlarne il Dott. Claudio Gnessi, presidente dell’Associazione per l’Ecomuseo Casilino ad Duas Lauros di Roma che porterà l’esperienza dell’Ecomuseo Casilino

Il secondo incontro sarà giovedì 21 dicembre con l’Architetto Francesco Baratti il presidente del SESA, il Sistema Ecomuseale del salento, una rete che racchiude vari Ecomusei salentini.