Cervia. Riaprire Cervia: “nella testa di chi ci governa esiste solo l’epidemia mentre l’istruzione, il futuro delle nuove generazioni, viene sempre all’ultimo posto”

Scuole superiori e università devono riaprire l’11 gennaio, con un afflusso del 50%, la sanificazione delle aule e l’uso della mascherina NON sono un luogo di contagio.
La didattica a distanza non rende come quella in presenza ed ha allargato il divario tra chi ha reddito e mezzi per usufruirne bene e chi no.
Si pensa solo al Covid, nella testa di chi ci governa esiste solo l’epidemia mentre l’istruzione, il futuro delle nuove generazioni, viene sempre all’ultimo posto.
Si chiudono le scuole perché è la decisione che costa meno sul piano del consenso elettorale, non perché sia effettivamente utile a combattere il contagio.
Nonostante la retorica, questa è la reale misura di quanto il Governo consideri i giovani.
Non è vero che questi sono danni che in qualche modo si ripareranno, sono danni che rimangono.

Lascia un commento