Concluso l’incontro Figc-Cts: nessun verdetto, nodi tamponi e positività

Ora il Comitato tecnico scientifico dovrebbe presentare una relazione al Ministero della Salute

Mancanza di disponibilità di tamponi in alcune zone d’Italia (particolarmente in Lombardia) e soprattutto modalità con cui affrontare il caso di una “positività in corsa” con l’obbligo di quarantena. Sono stati i due temi su cui le domande dei 20 membri del comitato tecnico-scientifico del governo alla delegazione della Federcalcio sono state più insistenti. La riunione è durata un’ora e mezza e non c’è stato un verdetto. Ora gli scienziati dovranno valutare tutte le cose illustrate e scrivere una relazione, come vuole la prassi dell’attività del Comitato, al ministro della salute Roberto Speranza. Che poi, naturalmente, si confronterà in sede governativa con il premier Giuseppe Conte e con il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora.

DA FASE 2 A 3

—  

Per ora, comunque, siamo ancora alla fase degli allenamenti. Lo stesso protocollo preparato dalla commissione medica della Figc infatti non arriva fino alla fase delle partite. E’ però indiscutibile che il passaggio dalla fase 2 (allenamenti soft, quelli di questi giorni) alla fase 3 (cioè gli allenamenti con contatto fra i giocatori che chiama in causa l’idea del gruppo chiuso) costituisce una premessa indispensabile per la ripresa dell’attività agonistica. Su cui, però, ci dovrà essere un nuovo approfondimento. L’altro tema, che non investe però la sfera sanitaria e quindi l’attività del Comitato, è quello della copertura assicurativa, visto che la positività per covid è considerata dall’Inail un vero e proprio infortunio sul lavoro.

Prossimi giorni

—  

Quali saranno le prossime puntate? Ora, la “valutazione” tecnica dovrà intrecciarsi con quella politica. Il Comitato è un “suggeritore” anche se è ovvio che il suo parere, lo dimostrano le scelte più recenti, è tenuto in grande considerazione dal governo fino al punto di aver ispirato tutti i Dpcm emanati nell’epoca della tempesta coronavirus. Visti gli impegni dell’Esecutivo, vedi decreto “economico”, è molto probabile che si debba aspettare ancora qualche giorno per definire il quadro e capire se il campionato potrà davvero riprendere.

Il commento di Spadafora

—  

Pochi minuti dopo le 18 anche il ministro Spadafora, attraverso un videomessaggio su Facebook, ha commentato il vertice appena concluso: “E’ stato un confronto molto importante e approfondito. Speriamo si siano risolte le problematiche emerse nei giorni scorsi e che il 18 maggio – compatibilmente con l’andamento dell’epidemia – possano riprendere gli allenamenti di squadra”.



Fonte originale: Leggi ora la fonte