Conte: ‘Rimpatri-redistribuzioni Ue siano efficaci’ DIRETTA LIVE

“Sulle migrazioni abbiamo condiviso una strategia di azione: dobbiamo governare come Ue i flussi migratori, non possiamo subirli e restare sopraffatti”. Lo dice il premier Giuseppe Conte nel corso del vertice Med-7. “Dobbiamo estendere le politiche Ue con solide partnership con i paesi di origine e transito, intensificare il contrasto ai trafficanti di esseri umani, adottare un meccanismo europeo dei rimpatri efficace, così come efficace redistribuzione obbligatoria dei migranti. Dobbiamo fare in modo infine che vi sia piena trasparenza e conformità al diritto internazionale di chi presta soccorso in mare, anche le ong”.

LA DIRETTA DA AJACCIO

Conte, riforme per rendere Paesi più forti  – “Sono particolarmente soddisfatto del clima e della concretezza del nostro dialogo: questo gruppo di Paesi ha dimostrato di saper essere incisivo nel sollecitare una risposta europea tempestiva alla crisi generata dalla pandemia. Abbiamo una prospettiva molto impegnativa: dobbiamo lavorare per le misure migliori per la salute, per la ripresa, occupazione, coesione sociale e territoriale e riforme strutturali che renderanno i nostri Paesi più forti e resilienti. Siamo tutti impegnati: è un’opportunità storica per un futuro migliore” ha anche detto Conte.

 “Cito un fine statista italiano, Aldo Moro: ‘nessuno è chiamato a scegliere tra l’essere in Europa o nel Mediterraneo, perché l’Europa intera è nel Mediterraneo’. Abbiamo il dovere morale di offrire al Mediterraneo il nostro patrimonio di sviluppo e anche stabilizzazione” ha sottolineato il premier. “L’Ue se vuole esercitare una leadership  – ha aggiunto – deve avere assolutamente un ruolo contribuendo alla definizione di un nuovo ordine regionale che metta al centro la propria autorevolezza e pervenga a soluzioni condivise. Una nuova Europa è una risorsa per tutti. L’Europa lavora su quattro pilastri: prosperità e sicurezza, gestione delle migrazioni, promozione società civile e cultura”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte