Coronavirus nel mondo: nel Regno Unito quarantena per chi arriva dall’estero. In Russia 10 mila nuovi positivi al giorno

Usa, altre 1.600 morti nel giro di 24 ore

Sono 1.635 le vittime del coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore. Il bilancio totale della pandemia supera così i 77 mila morti, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University. Gli Usa registrano al momento oltre 1,28 milioni di casi ufficialmente diagnosticati (più 29.079 rispetto alle ultime 24 ore).

A New York si punta sui farmaci anticoagulanti per battere il virus

Aumenta in America l’uso ospedaliero di anticoagulanti sui pazienti gravi colpiti da SARS-Cov-2. Di fronte al continuo emergere di dati che legano il coronavirus a danni cardiocircolatori anche letali, il prestigioso Mount Sinai hospital di New York ha appena introdotto nuove linee-guida, che prevedono il trattamento standard con farmaci anticoagulanti per i malati. E’ infatti un nuovissimo studio condotto proprio al Mount Sinai su 2.700 pazienti ricoverati con il Sars-Cov-2, ad aver evidenziato una netta diminuzione della mortalità tra i malati più gravi, sotto respiratore artificiale, sui quali erano stati usati farmaci anticoagulanti: il 63% di questi sono infatti sopravvissuti. Contro il 29% di pazienti nella stessa condizione, che non avevano però ricevuto gli anticoagulanti. Nessuna differenza in termini di mortalità – tra chi prendeva o meno anticoagulanti – è stata invece osservata tra i pazienti gravi, ma che non erano costretti all’uso di respiratori artificiali. Gli autori della ricerca pubblicata sul “Journal of the American College of Cardiology”, osservano che i dati sono significativi, ma vanno confermati da studi più ampi.

Boom di contagi in Russia: oltre 10 mila per il sesto giorno di seguito

ln Russia, per il sesto giorno consecutivo, sono stati registrati oltre 10.000 nuovi casi di coronavirus. Nella giornata di giovedì i nuovi contagi erano stati 11.231. Il totale delle infezioni è salito a 187.859 mentre i decessi sono 1.723, dopo le 98 vittime di ieri. La Russia è quarta in Europa per numero di morti per il Covid, dopo la Gran Bretagna, l’Italia e la Spagna.

In Gran Bretagna quarantena obbligatoria per chi arriva dall’estero

Il primo ministro britannico Boris Johnson annuncerà domani l’obbligo di quarantena per 14 gironi per tutti coloro che arrivano dall’estero, connazionali compresi. Lo anticipa il Times, citando fonti del governo di Londra. Le uniche eccezioni previste riguarderanno l’Irlanda, le Isole della Manica e l’Isola di Man. Per le violazioni saranno previste multe fino a mille sterline e la possibile deportazione.

Un solo nuovo caso in Cina, più 15 asintomatici

La Cina conferma di aver pressoché debellato l’epidemia di coronavirus. Ieri è stato registrato un solo nuovo caso di contagio, importato dall’estero. In più, sono state trovate 15 persone positive ma asintomatiche. Il numero complessivo di infettati in Cina è ora di 82.887, mentre il bilancio delle vittime resta fermo a quota 4.633.

Brasile, nuovo record di decessi per coronavirus: 741 in 24 ore

Sono 751 i morti di Covid-19 registrati oggi in Brasile, la cifra più alta dall’inizio della pandemia. Lo rivela il ministero della Salute, precisando che il totale delle vittime è 9.897. I nuovi contagi sono 10.222, per un totale di 145.328.

L’Argentina prolunga la quarantena fino al 24 maggio

Il presidente dell’Argentina Alberto Fernandez ha annunciato che la quarantena in vigore su tutto il territorio nazionale a causa della pandemia da coronavirus resterà in vigore fino al 24 maggio e resterà particolarmente stretta nella capitale, Buenos Aires, e nella sua provincia. In una conferenza stampa, Fernandez ha aggiunto che a partire da lunedì, saranno flessibilizzate le regole per la ripartenza di alcuni settori produttivi nelle province in cui la situazione è stabile, mentre il via libera ad esercizi commerciali e industrie sia nella capitale, sia in provincia avverranno solo dietro esplicita autorizzazione del governo nazionale. Il capo dello Stato si è detto “orgoglioso” per i risultati ottenuti dall’Argentina, con una situazione “abbastanza controllata” se messa in raffronto “con quella di altri Paesi della regione, come Ecuador, Brasil e Chile”. In base all’ultimo bollettino diramato dalle autorità sanitarie, sul territorio argentino sono stati confermati 5.371 contagiati e 285 morti.

In Messico più di 31 mila persone colpite da Covid-19

Sono saliti a 31.522 i casi di persone positive al coronavirus registrate dal ministero della Salute del Messico, a causa di un balzo di 1.906 casi rilevati nell’ultima giornata. I decessi sono aumentati di 199 unità e sono ora diventati 3.160.

L’Unicef: “In Sud Sudan 85 bambini scarcerati per emergenza virus nei penitenziari”

L’Unicef ha annunciato che 85 bambini sono stati rilasciati dalla detenzione in Sud Sudan come parte delle azioni per decongestionare le prigioni, fra le misure di prevenzione nella lotta al Covid-19. I ragazzi sono tornati dai loro genitori e altri tutori legali. Altri 11 bambini rimangono in prigione nel paese a causa della gravità dei reati di cui sono accusati. Mentre vengono segnalati nuovi casi di detenzione di bambini, l’Unicef e la missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (Unmiss) continuano a chiedere il rilascio immediato dei bambini, in linea con le recenti linee guida sulle azioni chiave che le autorità possono intraprendere per proteggere i bambini privati della loro libertà durante la pandemia. “I bambini hanno un bisogno speciale di protezione e il loro benessere deve essere assicurato”, ha dichiarato Mohamed Ag Ayoya, rappresentante Unicef in Sud Sudan. “Con il rischio di contagi da Covid-19, il modo migliore di rispettare i diritti dei bambini a condizioni di vita in sicurezza e salute è farli ritornare a casa, dove le loro famiglie possono prendersene cura”, ha aggiunto.



Fonte originale: Leggi ora la fonte