Coronavirus nel mondo: zero contagi, Cipro festeggia e riapre le spiagge

La pandemia ha ucciso almeno 339.758 persone in tutto il mondo sin dalla sua insorgenza a dicembre in Cina, secondo un rapporto compilato da AFP da fonti ufficiali. Più di 5.260.970 casi sono stati registrati in 196 paesi e territori. Gli Stati Uniti sono il paese più colpito in termini di numero di morti e casi, con 97.048 morti per 1.621.658 casi. Segue Brasile con 38.748 morti, Regno Unito con 36.675 morti, Italia (32.735), Spagna (28.678) e Francia (28.332).


Usa, 1.127 nuove vittime nelle ultime 24 ore

Sono 1.127 i morti negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore secondo la Johns Hopkins University. Intanto la Navajo Nation, il territorio dei nativi americani che si estende fra l’Arizona, lo Utah e il New Mexico, ha deciuso un lockdown rigido di 57 ore per cercare di contenere il coronavirus. La decisione è legata al nuovo aumento dei casi, con la Navajo Nation che ha il tasso più alto di contagi negli Stati Uniti. Durante il lockdown tutte le attività sono chiuse e i residenti devono stare a casa, con l’eccezione di coloro che lavorano in prima linea nell’emergenza.
 

Arkansas, festa di studenti in piscina: catena di contagi
Una festa in piscina di studenti liceali ha provocato una serie di contagi a catena da coronavirus in Arkansas. L’episodio ha messo in allarme gli ospedali locali. Si parla di numerosi casi. Lo ha annunciato il governatore, Asa Hutchinson, senza fornire dettagli. “Ero sicuro – ha detto – che tutti pensassero non ci fosse rischio. Sono giovani, che volevano solo divertirsi, e invece ecco il risultato. Ma è una storia utile a far capire quanto sia facile diffondere il virus”. L’Arkansas è uno degli stati che non hanno mai adottato provvedimenti restrittivi. Finora sono stati registrati 4 mila casi di contagio e 113 morti.
 

Cipro: riapre le spiagge e festeggia zero nuovi casi Covid-19
Cipro ha riaperto le spiagge, mentre festeggia zero nuovi casi di coronavirus per la prima volta da quando il Covid-19 è apparso sull’isola a inizio marzo. Il ministero della Salute ha allentato le disposizioni decretate per contrastare la diffusione dell’epidemia di Covid-19 mantenendo però rigide misure di sicurezza. Ombrelloni e lettini devono stare a una certa distanza e solo membri della stessa famiglia possono partecipare insieme a sport acquatici. I locali sulle spiagge devono tenere i tavolini a due metri l’uno dall’altro, mentre il personale, dopo essere stato sottoposto al test sierologico, deve indossare mascherina e guanti, disinfettandosi le mani spesso. Dopo la riapertura giovedì di ristoranti, parrucchieri e spiagge, è arrivato ieri l’annuncio della ripresa dei voli commerciali dal 9 giugno; ma sulla lista dei Paesi consentiti, non ci sono nè Regno Unito nè Russia, i principali bacini turistici per Cipro, a causa del livello di contagio ancora molto alto.
 

America latina, 700 mila contagi e 38.500 morti

E’ sempre il Brasile, secondo Paese al mondo dopo gli Stati Uniti per numero di contagiati, a guidare l’ascesa della pandemia di coronavirus in America latina dove nelle ultime 24 ore i casi confermati di contagio hanno raggiunto quota 702.819 di cui 38.748 sono morti. E’ quanto emerge oggi da una statistica elaborata dall’ANSA sulla base dei dati conosciuti di 34 fra nazioni e territori latinoamericani. Il gigante sudamericano ha accumulato in un giorno altri 16.500 pazienti con Covid-19 totalizzandone 347.398, e quasi 1.000 nuovi morti, a 22.013. A distanza, per il secondo e terzo posto, si trovano il Perù (115.754 e 3.373) ed il Cile (65.393 e 673). Seguono, con più di 5.000 contagi, il Messico (62.527 e 6.989), l’Ecuador (36.258 e 3.096), Colombia (19.131 e 682), la Repubblica Dominicana (14.422 e 458), Panama (10.267 e 295), Argentina (10.649 e 439) e Bolivia (5.579 e 230).
 

Perù, altri 4.056 casi: 115.754 malati, 3.373 morti

In Perù nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 4.056 casi di coronavirus a 115.754. Lo ha riferito il ministero della Salute, aggiungendo che sono 3.373 i decessi in totale (+129). Il Perù è il secondo Paese dell’America Latina per numero di contagi, dopo il Brasile con 330.890 casi.

Fonte originale: Leggi ora la fonte