Covid: al via controlli con tamponi all’aeroporto di Napoli

(ANSA) – NAPOLI, 21 AGO – Sono partiti oggi all’aeroporto di
Napoli-Cadopichino i controlli, con i tamponi, ai passeggeri
provenienti dall’estero, ed in particolar modo da Croazia,
Grecia, Malta e Spagna. Tra i primi a sottoporsi ai controlli
sono stati alcune passeggeri, per la maggior parte giovani e
napoletani, provenienti da Mykonos. Poi quelli provenienti da
Barcellona ed infine i passeggeri di un volo partito da Malta.
    All’aeroporto di Capodichino sono state attrezzate due
postazioni: la prima a ridosso del varco ‘Arrivi’ e un’ altra al
terminal B. L’attività hanno visto impegnato il personale
medico dell’Usmaf, il personale sanitario di tutte le Asl della
Campania con il supporto dei volontari della Protezione civile
regionale, del 118 e della Croce Rossa Italiana. All’esterno gli
agenti della polizia di Stato.
    I passeggeri che hanno deciso di sottoporsi a controllo hanno
dapprima compilato una scheda con i dati anagrafici e quelli
relativi al soggiorno all’estero. Poi una volta raggiunte le due
postazioni hanno effettuato il tampone, il cui risultato sarà
pronto e comunicato direttamente agli interessati nelle
successive 48 ore.
    Nell’attesa dell’esito i viaggiatori, come previsto
dall’ordinanza del presidente della Giunta regionale, Vincenzo
De Luca, andranno in isolamento fiduciario. La quarantena,
ovviamente, sarà interrotta alla comunicazione dell’esito
negativo del tampone. All’aeroporto di Capodichino sono 14
arrivi gli aerei giornalieri provenienti dai quattro Paesi
esteri con un flusso di circa 110 viaggiatori per volo.
    Tra i numerosi viaggiatori che hanno deciso di sottoporti al
tampone anche una coppia di turisti spagnoli. Trentadue anni
lui, trentaquattro lei sono entrati nella postazione accanto al
varco “Arrivi” ed in pochi secondi hanno terminato tutte le
procedure.
    Le operazioni stanno andando avanti, fino a questo momento,
con regolarità. I tempi di attesa sono abbastanza contenuti.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte