Dal primo gennaio 2021 in vigore la nuova disciplina per la ZTL

Entrerà in vigore il primo gennaio 2021 la nuova disciplina per l’accesso alle Zone Traffico Limitato (ZTL) e alle Aree Pedonali Urbane (APU). Si allegano al presente comunicato il testo della nuova disciplina e uno specchietto che evidenzia le modifiche più rilevanti. Si segnala inoltre che i vecchi contrassegni rilasciati saranno comunque validi fino alla scadenza e, pertanto, chi ha i requisiti per averli, può fare richiesta dei nuovi in prossimità della data di scadenza, rivolgendosi al Servizio CerviaInforma, viale Roma 33, tel. 0544/979350.

L’Assessore alla Viabilità Enrico Mazzolani: “La nuova disciplina, come chiesto da più parti, necessitava di una nuova stesura per accogliere i cambiamenti del Codice della Strada, i cambiamenti registrati in città (nuova Ztl, con telecamere, anche a Milano Marittima, negli stradelli a mare e nella fascia restrostante i bagni) e le varie istanze e problematiche sorte con il precedente documento. La redazione di questa nuova disciplina ha richiesto un grande lavoro, non semplice, in quanto le zone della città non sono omogenee e le diverse le categorie da prendere in esame erano numerose, ognuna con le sue problematiche e le sue esigenze. Per questo ringrazio del lavoro svolto in collaborazione il Servizio Cervia Informa, la Polizia Locale e il Servizio Viabilità, che si sono confrontati per diversi mesi, esaminando anche i regolamenti dei comuni vicini (Cesena, Faenza, e Ravenna).

Abbiamo raccolto le istanze e i suggerimenti provenienti dalle Associazioni di Categoria e dal CDZ, per poi cercare di superare tutte le criticità evidenziate dai cittadini. Considerato anche il difficile momento economico, abbiamo mantenuto i costi della precedente disciplina, che risale al 2012, decidendo di non allinearci ai valori che praticano le città a noi vicine, soprattutto per quello che riguarda la movimentazione merci e il mondo artigianale, che ha la necessità di accedere in Ztl per i propri servizi”.



Fonte originale: Leggi ora la fonte