Dalle ‘manine’ ai sabotaggi: il vizio 5Stelle di far scaricabarile

Il ministro della Scuola, Lucia Azzolina, grida al “sabotaggio” contro la riapertura. Ma non è la prima volta che i 5 Stelle fanno scaricabarile

Dalla famiglia, alla scuola, fino alla manovra economica, il Movimento 5 Stelle non è mai responsabile degli ostacoli e dei fallimenti, ma vittima di sabotaggi e persecuzioni. O almeno è quello i grillini vogliono far credere. E l’ultima a gridare al “sabotaggio” è stata la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina.

In un’intervista a Repubblica, infatti, la pentastellata ha fatto capire di essere stata costretta a combattere per far riaprire le scuole a settembre, dopo la chiusura causata dalla situazione di emergenza legata al nuovo coronavirus. Al quotidiano, il ministro ha annunciato che le scuole riapriranno, nonostante “sia in atto un sabotaggio da parte di chi non vuole che ripartano“. E punta il dito contro i sindacati, perché “non è un mistero che i sindacati siano contrari al concorso con prova selettiva: vorrebbero stabilizzare i precari, immissione in ruolo per soli titoli“. Un mese fa, anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte aveva parlato di “inaccettabile ricatto del sindacato che minaccia di paralizzare la ripresa scolastica“.

Ma non è la prima volta che i 5 Stelle si aggrappano al sabotaggio. Lo scorso anno anche Luigi Di Maio si era sentito nel mirino e la mancata approvazione del decreto Famiglia al Consiglio dei ministri del 20 maggio 2019 era stato attribuito a un boicottaggio. “In queste ore- aveva scritto Di Maio qualche giorno prima su Facebookqualcuno sta provando a sabotare il decreto che abbiamo preparato insieme al Forum delle Famiglie solo per creare dei problemi al sottoscritto e al MoVimento 5 Stelle“. Secondo il grillino, infatti, il successo di una misura del Movimento avrebbe potuto essere ostacolata, data la vicinanza delle elezioni europee.

Posso passare sopra a tutto. Davvero sopra a tutto. Ci si può piccare per qualcosa e si può discutere. Possiamo essere…

Pubblicato da Luigi Di Maio su Venerdì 17 maggio 2019

Poi, però, sul provvedimento erano pesate le perplessità di Giovanni Tria, che aveva sottolineato: “Le coperture, per ora non sono state individuate. Non sappiamo cosa sia questo miliardo. Se si spenderà meno di quanto preventivato per il reddito di cittadinanza si saprà a fine anno e non adesso. È inoltre chiaro che queste spese non possono essere portate all’anno successivo”.

Dubbi di manovre e sabotaggi erano emersi anche due anni fa, in merito alla manovra economica. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti aveva rivolto parole dure ai pentastellati arrabbiati per i 10 miliardi mancanti per il reddito di cittadinanza. E di contro, i 5 Stelle avevano riproposto la solita solfa: “Ci sta sabotando, bisogna che si dia una calmata”.

Per i 5 Stelle, fare da scaricabarile sembra una mania che arriva da lontano. Già Beppe Grillo, nel 2012, gridava al complotto: “Il rito quotidiano dell’Odio da parte di aizzatori di professione nei miei confronti, nei confronti degli appartenenti al MoVimento 5 Stelle e dei miei collaboratori sta diventando fragoroso, insopportabile, indecente“, scriveva sul suo blog, sostenendo che “lo scopo è quello, chiaro, di creare dei mostri da abbattere per mantenere lo status quo“.


Fonte originale: Leggi ora la fonte