Fase 2: a giorni le prime idee della task force di Colao per rilancio

 La task force guidata da Vittorio Colao ha incontrato un centinaio di rappresentanti di imprese, associazioni di categoria, sindacati per definire priorità e interventi economico-sociali per sostenere e accelerare il rilancio del Paese: le prime raccomandazioni – si legge in una nota – saranno condivise nei prossimi giorni con il premier Conte. “I vertici delle migliori aziende italiane, di imprese innovatrici ed esportatrici e diversi operatori turistici ci hanno dato una chiara idea dei bisogni ma anche delle grandi energie presenti per il rilancio”, dichiara Vittorio Colao.

Il Comitato di esperti in materia Economica e Sociale (Comitato Economico Sociale), guidato da Colao, ha continuato il lavoro per la presidenza del Consiglio, focalizzato in questa nuova fase sugli interventi economico-sociali per sostenere e accelerare il rilancio del Paese in Fase 2. Lo si legge in una nota. “Il nostro Comitato Economico Sociale proseguirà il lavoro in corso per sviluppare, in poche settimane, le proprie conclusioni e consigliare priorità e interventi che possano sostenere il rilancio e la competitività dell’Italia nel 2020-21”, dichiara Colao. A valle del primo rapporto, consegnato il 23 aprile, il Comitato si è articolato in sei gruppi di lavoro, suddivisi in Individui-Famiglie, Competenze e Capacità, Pubblica Amministrazione, Imprese e Finanza, Infrastrutture e Ambiente, Turismo-Arte-Cultura. Gli ultimi tre gruppi hanno incontrato in questa fase più di un centinaio di esponenti del mondo delle imprese, organizzazioni di categoria e rappresentanti dei lavoratori. Ulteriori incontri e approfondimenti sono previsti la prossima settimana, anche con rappresentanti del Terzo settore. I colloqui – si legge in una nota – hanno suscitato un notevole interesse in termini di attenzione – come testimonia la partecipazione di capi azienda, vertici di categoria e presidenti di associazioni – nonché di proposte anche a medio termine per rilanciare il Paese.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte