Fase 2: controlli a tappeto sui Navigli

(ANSA) – MILANO, 8 MAG – Controlli rinforzati nella zona dei
Navigli a Milano, finita al centro di polemiche per gli
assembramenti di ieri sera, con il sindaco Giuseppe Sala che
oggi ha minacciato la chiusura dell’area. In piazza XXIV Maggio
ci sono due auto della polizia locale, una della polizia e una
della guardia di finanza, con gli agenti che a piedi pattugliano
la Darsena. Vigili e poliziotti fanno anche su e giù per le due sponde
del Naviglio Grande, dove i locali iniziano ad aprire per
l’aperitivo d’asporto (molti con cartelli che raccomandano di
evitare assembramenti) ma i clienti ancora scarseggiano.
    Perplesso uno dei ristoratori che ieri ha chiamato le forze
dell’ordine per il baracchino ambulante attorno al quale si è
creata una folla di una cinquantina di persone: “Così i Navigli
sembrano militarizzati, bastavano quattro vigili come
deterrente”.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte