Fondi Lega: indagato anche imprenditore ‘vicino a partito’

(ANSA) – MILANO, 11 SET – C’è un altro indagato
nell’inchiesta della Procura di Milano sul caso della Lombardia
Film Commission che ieri ha portato ai domiciliari quattro
persone, tra cui tre commercialisti. Si tratta dell’imprenditore
Francesco Barachetti, accusato di peculato e che i pm, in uno
degli atti dell’indagine, definiscono “personaggio legato a Di
Rubba e Manzoni”, due dei commercialisti indagati, e “più in
generale al mondo della Lega”.
    I tre commercialisti vicini alla Lega arrestati ieri
potrebbero ancora commettere “delitti della stessa specie”. Lo
ha scritto il gip di Milano Giulio Fanales motivando così le
misure cautelari. Il gruppo, spiega il gip, ha “dimostrato una
spiccata capacità organizzativa” con “perfetto riparto dei
compiti” e “potenzialità operative” e si basa su “legami
interpersonali (a base amicale, lavorativa e parentele in senso
lato) particolarmente stretti e risalenti nel tempo” con un “vincolo di solidarietà reciproca”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte