Il movimentismo imprevedibile

Una pandemia che colpisce contemporaneamente tutto il mondo avrebbe un tempo provocato manifestazioni religiose, preghiere, cerimonie.

Una pandemia che colpisce contemporaneamente tutto il mondo avrebbe un tempo provocato manifestazioni religiose, preghiere, cerimonie. Mentre non sembra che questo sia avvenuto, almeno in Occidente. In parte perché erano proibiti gli assembramenti nelle chiese, ma soprattutto perché si è ulteriormente aggravato il processo di secolarizzazione, cioè la distruzione del religioso, della trascendenza, della credenza nel sovrannaturale.

Molti non credono più all’inferno, al paradiso, al giudizio universale. Nell’immagine scientifica del cosmo non c’è più posto per «il padre che sta nei cieli» e la Terra è solo una piccola sfera inquinata e sovraffollata. Inoltre, per la scienza la realtà ultima è una nube di atomi, particelle, elettroni, bosoni ma non ci sa dire cosa è bene e male, indicarci una meta.

Che cosa può accadere nel futuro? Con ogni probabilità resterà l’islam grazie a un Dio trascendente, una totale predestinazione e, sul piano politico, una teocrazia. Dovrebbe restare il buddismo perché non ha divinità e ha la proporzionalità fra meriti e ricompense grazie alla metempsicosi. Il cattolicesimo mi sembra continuare lungo tre strade: la prima è quella istituzionale, che però è indebolita, impoverita e divisa. C’è poi una religiosità popolare dei santi, dei taumaturgi e dei veggenti. La terza avviene a livello personale e di piccoli cenacoli, spesso di tipo mistico-gnostico con contaminazioni orientali.

Ma ricordiamo che la Chiesa cattolica si è sempre rivitalizzata ed è sempre cresciuta attraverso i suoi movimenti. Ricordiamo i benedettini, i monaci di Cluny, i francescani, i domenicani, i gesuiti e, in Italia negli ultimi anni, due movimenti: Comunione e liberazione ed il Rinnovamento nello spirito che, sommandosi alle giornate della gioventù di Wojtya, hanno risvegliato la fede in milioni di giovani e rinverdito in tutto il mondo la Chiesa. Però la struttura ecclesiastica è rimasta rigida, percorsa da dubbi e da scandali. È possibile che oggi nel mondo cattolico sorga un nuovo movimento religioso? Nessuno lo sa, ma i movimenti sono imprevedibili.


Fonte originale: Leggi ora la fonte