In arrivo i rimborsi per il trasporto non utilizzato durante il lockdown

Il Delegato ai Trasporti Claudio Lunedei illustra alla città le modalità per ottenere i rimborsi per il mancato utilizzo di abbonamenti e biglietti durante il lockdown, stabilite dalla Regione Emilia Romagna.

Eravamo in attesa di conoscere le procedure per ottenere i rimborsi e ieri la Regione Emilia Romagna ha deliberato sul tema. Visto l’interesse al riguardo di molti cittadini, ci preme evidenziare quali sono le modalità previste.

Hanno diritto al risarcimento gli abbonati mensili e annuali: gli studenti per il periodo dal 23 febbraio al 3 giugno 2020 e i lavoratori-pendolari per il periodo dall’8 marzo al 17 maggio 2020. La richiesta va presentata entro il 30 novembre prossimo all’Azienda di trasporto pubblico che ha emesso l’abbonamento, preferibilmente on line sul portale della stessa azienda.

Il rimborso sarà effettuato attraverso l’emissione di un voucher, che verrà rilasciato entro 30 giorni dalla richiesta. L’entità sarà calcolata in rapporto ai giorni di mancato utilizzo dell’abbonamento. In alternativa, possono richiedere il rimborso in contantigli studenti under 14 già titolari di abbonamento annuale che a partire dal prossimo mese di settembre non lo pagheranno più per la decisione presa dalla Giunta regionale di renderlo per loro gratuito.

Per quanto riguarda i biglietti ferroviaridi corsa semplice acquistati prima dell’8 marzo e con scadenza 8 marzo-17 maggio 2020, sarà riconosciuto un voucher di pari valore.

I voucher rilasciati dalle aziende di trasporto saranno validi fino ad un anno dall’emissione e sono spendibili in un’unica soluzione, non si possono cedere e vanno utilizzati preferibilmente come sconto sull’emissione di un nuovo abbonamento o per l’acquisto di singoli biglietti o carnet di biglietti”.



Fonte originale: Leggi ora la fonte