In chiesa nella fase 2: eucarestia senza contatto e sedie distanziate dI C.R. BRUNO

Dal 18 maggio inizierà la fase 2 anche per le chiese, che potranno ricominciare a celebrare le messe canoniche, non più solo online. I fedeli dovranno indossare obbligatoriamente la mascherina, saranno accompagnati in ingresso e in uscita con percorsi predefiniti, per evitare assembramenti. Ognuno avrà il proprio posto, a distanza di almeno un metro, e “si rimarrà seduti durante tutta la funzione”, spiega Don Marco Gnavi, parroco della Basilica di Santa Maria in Trastevere. “Sarà il sacerdote che, una volta sanificate le mani, si recherà da chi desidera ricevere l’eucarestia, e lascerà cadere l’ostia nelle mani dei fedeli, senza alcun contatto”. Niente scambio della pace (“se non con gli occhi”) e sanificazione almeno una volta al giorno, stando attenti ad utilizzare prodotti che non danneggino le opere d’arte.

Video di Camilla Romana Bruno



Fonte originale: Leggi ora la fonte