In officina senza nessun contatto fisico: ecco l’idea anti contagio

La ricerca, infinita, di eliminare i contatti personali entra anche nel mondo delle officine con l’idea della norvegese Sharebox che ha realizzato un nuovo armadio blindato per lo scambio chiavi fra clienti e riparatori. Ovviamente non è solo questo perché il vero valore del servizio è nel software che garantisce sistemi di pagamento e prenotazione, tutti riuniti in un’unica applicazione.

Battezzato “Station S18-Safe” questo progetto è stato sviluppato in collaborazione tra Sharebox, Mekonomen Group e Innovation Norway ed è già operativo in diverse officine di riparazioni auto come Meca, Vw, Audi, Toytota, Skoda e Nissan, che hanno subito iniziato a utilizzare il nuovo sistema per gestire il ritiro e la consegna di auto “senza contatto”. Con l’obiettivo di assumere una posizione di leader mondiale nel 2021 per i fornitori di noleggio a breve termine, noleggio auto, officine e rivenditori.

Tutto parte dall’esigenza di digitalizzare l’intera esperienza del cliente, dalla la consegna delle chiavi dell’auto al pagamento e al ritiro della vettura a fine lavori. Ovviamente con un servizio 24 ore su 24.

“Fino ad ora – spiega Arne Eivind Andersen, CEO, Sharebox – il mercato delle riparazioni auto non ha messo a fuoco questo punto importante offrendo ai clienti solo drop off / pick up negli orari di apertura, costringendoli a predere anche mezza giornata di lavoro o utilizzare la pausa pranzo per portare o ritirare le loro auto. Alcune officine offrono altre alternative come nascondere le chiavi in luoghi convenuti con qualche rischio latente e non assicurabile. E la situazione COVID-19 – conclude – ha notevolmente aumentato l’interesse per il nostro nuovo armadietto S18-Safe, soprattutto perché consente agli addetti di ritirare, riparare e consegnare le auto senza avere un contatto fisico con i clienti. Ottenuta l’approvazione dell’assicurazione, abbiamo immediatamente esaurito i nostri primi due lotti e ora stiamo lavorando a stretto contatto con il nostro fornitore danese per aumentare la capacità produttiva e tenere il passo con la domanda”.
 



Fonte originale: Leggi ora la fonte