L’odio social degli antagonisti: “È zingara e si candidata con la Lega

La storia di Aylin Nica, nata in Turchia da genitori romeni ma in Italia da 11 anni. La ragazza ha deciso di candidarsi con la Lega: insulti e odio sui social

Attaccano Salvini e la Lega accusando spesso e volentieri il leader del partito di centrodestra e coloro che lo seguono di intolleranza, se non di vero e proprio razzismo, eppure, a quanto pare, le stesse regole non valgono quando sono alcuni di loro a riversare odio nei confronti di una leghista di origini romene.

È quanto accaduto ad Aylin Nica, giovane 20enne nata in Turchia da genitori romeni e residente da 11 anni in Italia. Nica, candidata al consiglio comunale di Vignola (Modena), è una rappresentante della Lega e proprio per questo è stata oggetto di pesanti insulti sulle proprie pagine social. Secondo quanto ricostruito da “Affaritaliani”, a rendersi autori delle frasi sessiste e razziste rivolte nei confronti della ragazza sarebbero stati anche alcuni soggetti che amano definirsi anti-leghisti.

Venuta a vivere in Italia con la sua famiglia, Aylin Nica ha studiato e studia (è iscritta ad economia e marketing internazionale) nel nostro Paese, ora divenuto anche il suo. Proprio per questa ragione, oltre a posare ogni tanto come modella, la giovane aspira a diventare consigliere comunale per mettersi al servizio della comunità. La sua colpa? Candidarsi con la Lega. E per lei non c’è stata nessuna levata di scudi buonista. Nessuno ha preso le sue parti per gli insulti ricevuti. “Sono candidata al Comune di Vignola e non c’è stato bisogno dello Ius soli”, ha spiegato la 20enne in un video di presentazione. La risposta di certi utenti non si è fatta attendere. “La zingara di Vignolaaa. Cheeeck”, ha commentato un soggetto. E poi:“Rumena e leghista. Un giorno qualcheduno andrà a spiegare cosa c’è nel cervello di certa gente oltre la mer**”.

C’è stato anche chi l’ha incredibilmente accusata di aver commesso una sorta di tradimento.“Un figlio di extracomunitari iscritto a rappresentare la Lega, capisci che c’è da vergognarsi quando ti dimentichi chi sei. Non aggiungo altro”, ha infatti scritto un internauta, seguito da un altro, che ha invece sbottato: “Per un po’ di immagine ti sei venduta al partito che odiano le persone come i tuoi genitori che si sono trasferiti altrove per vivere meglio”. Gli anti-leghisti parlano di odio, ma quanto odio ha ricevuto questa ragazza in poche ore? Insomma, come spesso accade, certi soggetti continuano ad usare due pesi e due misure.

Nica, dal canto suo, non ritiene la Lega un partito di razzisti. “Se pensassi che la Lega è un partito razzista non mi sarei candidata. Non è un pensiero che mi appartiene e non è così. Io poi l’ho visto in prima persona. Conosco moltissime persone della Lega, non lo sono affatto”, ha spiegato la 20enne ad “Affaritaliani”. “Quando mi è stata fatta la proposta ho intuito che avrei suscitato l’odio di alcune persone. Conosco il candidato sindaco e lo sostengo perché ho visto quanto ha fatto di buono negli anni passati. Non penso però che contro una ragazza di vent’anni ci si possa scagliare in questo modo fraintendendo il mio messaggio. Da parte mia c’è sicuramente anche inesperienza ma c’è anche tanta voglia di fare”.

“Ho deciso di mettermi a disposizione della mia comunità perché ci vivo da quando sono piccola sia per rappresentare tanti giovani di Vignola che hanno una storia simile alla mia, sia per quelli magari che non hanno una storia come la mia ma sono giovani e vogliono far sentire la propria voce“, ha aggiunto la rappresentante leghista.“Ma non capisco perché debba essere insultata. Non ho mai mancato di rispetto a nessuno e anzi sono orgogliosa delle mie origini”. Sul tema immigrazione, la ragazza ha le idee chiare: “Condivido il fatto che chi arriva in un Paese nuovo debba comunque rispettare le leggi e i cittadini dei Paesi in cui si trovano”.

A prendere le difese della 20enne, il rappresentante provinciale della Lega Davide Romani. “Aylin Nica è stata offesa a più livelli in maniera vergognosa e con una violenza verbale inaudita. Discriminata perché donna, dunque ‘più tagliata per fare la miss che per la politica’, e discriminata perché straniera e leghista, secondo questa gente una contraddizione“, ha commentato Romani, come riferito da “Lapressa”. “Sappiano queste persone che molti stranieri, moltissimi giovani anche nelle nostre sezioni, apprezzano e votano la Lega: essi rappresentano un’integrazione perfettamente riuscita. Ad Aylin diciamo di non mollare e di andare avanti a testa alta“.


Fonte originale: Leggi ora la fonte