Pietrasanta, il Comune distribuisce mascherine trasparenti per i non udenti

Mascherine trasparenti per non udenti. Per i loro familiari. E per tutti coloro, dai dipendenti pubblici al personale sanitario, con cui sono in contatto ogni giorno. Saranno distribuite, gratuitamente, dal Comune di Pietrasanta, in Versilia, a partire dai prossimi giorni a quanti ne faranno richiesta. I dispositivi permetteranno alle persone non udenti di poter leggere il labiale e quindi di capire quello che gli altri dicono. Sono già pronti i prototipi dello speciale dispositivo di sicurezza che l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Alberto Stefano Giovannetti, sta  facendo realizzare da un gruppo di sarte-volontarie.

Prendendo spunto dall’idea di una studentessa americana, Ashley Lawrence, che ha pensato di modificare le classiche mascherine per poterle fare indossare a chi ha bisogno di leggere il labiale, il comune toscano alcune settimane fa pensato di replicare l’iniziativa. A dare l’input un consigliere comunale di Pietrasanta, Giacomo Vannucci: “I non udenti – ha spiegato il consigliere in un post su Facebook – sono penalizzati fortemente nello svolgere anche le più semplici attività, come pagare alla cassa di un supermercato o interagire con l’impiegato di uno sportello pubblico”. “In questo particolare momento storico, quindi, sorge la necessità di distribuire a tutte le persone che entrano in contatto con un non udente una mascherina trasparente. Non solo ai familiari, quindi, ma la distribuzione deve riguardare il personale sanitario, i volontari delle ambulanze, i lavoratori di uffici pubblici e tutti coloro che svolgono lavori di pubblica utilità in cui imprescindibile è il contatto con l’utente”.

Il materiale per confezionarle è già stato reperito. Ora a cucirle ci penseranno le sarte della Consulta del Volontariato che hanno già cominciato ad assemblare le prime mascherine. La distribuzione, invece, dovrebbe partire già nei prossimi giorni. “ll merito di questa iniziativa è del consigliere Vannucci – spiega Andrea Cosci, assessore all’associazionismo – L’amministrazione ha fatto solo da tramite con le sarte della Consulta del Volontariato”. Dall’inizio dell’emergenza il comune di Pietrasanta ha distribuito 52 mila mascherine a domicilio attraverso la Protezione Civile. Mentre sono 8 mila le mascherine preparate e distribuite dalle sarte delle associazioni del territorio. Di mascherine trasparenti aveva parlato nel suo monologo a piazza pulita anche  Stefano Massini.
 

Fonte originale: Leggi ora la fonte