Rabiot, insoddisfatto e tentato dalla Premier: e la Juve pensa alla plusvalenza…

Adrien in Costa Azzurra: con Higuain è l’unico straniero a non essere rientrato. In campo non ha ancora convinto, ma piace a Everton e United

Cosa ci fa Adrien Rabiot ancora in Costa Azzurra? Perché non è tornato a Torino se bastano due ore e mezza appena per arrivare in Piemonte dalla Riviera? Il francese è assieme a Gonzalo Higuain l’unico straniero che non ha ancora rimesso piede nel mondo bianconero. Il Pipita, in Argentina vicino alla madre malata, è un caso a parte, ma l’assenza del francese fa perfino più rumore: è il più vicino, ma arriva per ultimo… La Juve ha ufficialmente detto a tutti, in linea generale, di rientrare a casa base, ma non ha specificato una data precisa, vista la mancanza di comunicazioni definitive sulla ripresa. Per questo, Rabiot la prende comoda, attende magari l’ultimo giorno utile e, così facendo, non infrange alcuna regola aurea della Casa Reale. Come spesso capita in questi casi, dietro si intravede qualche mugugno e si sentono nitide le sirene del mercato.

L’enigma

—  

Negli ultimi giorni alla Continassa si sprecano le chiamate con Adrien Rabiot, che forse si aspettava di più da questa avventura bianconera. Le ultime partite prima dello stop hanno dimostrato come, nel suo stesso ruolo, il connazionale Blaise Matuidi garantisca ancora altissima affidabilità e sia difficile da scalzare per chiunque. Il flop pesante di Adrien con il Lione, nella sua Francia, non ha aiutato di certo la valutazione generale e la sua autostima. Nello stesso tempo anche la Signora sperava qualcosa di trarre qualcosa di più dal Duca coi riccioli, arrivato a zero dopo un lunghissimo corteggiamento e gratificato da un ricchissimo stipendio da sette milioni. Nei piani di Sarri, Rabiot sarebbe dovuto essere il centrocampista universale capace di combinare un sinistro raffinato a un fisico da centurione. Le doti in questione, finora, si sono viste pochino, colpa soprattutto della lunga inattività da cui arrivava il francese. A intermittenza qualche segnale è arrivato, ma ancora troppo poco per immaginarsi un futuro da titolare.

La terribile Veronique

—  

Per questo mamma Veronique, plenipotenziaria e temutissima agente di Adrien, ha iniziato ad agitare le acque. Ha colto la palla al balzo per tessere la tela. Ha già colloquiato, in via assolutamente preliminare, con l’Everton di Carlo Ancelotti, che già a gennaio avrebbe fatto un tentativo per portarlo oltre la Manica in prestito con obbligo di riscatto. La contemporanea partenza di Emre Can ha, però, bloccato ogni tipo di discussione. Ma allenatore italiano continua a stravedere per la mezzala mancina: Ancelotti, che lo ha valorizzato per bene ai tempi del Psg, è stato uno dei pochi a riuscire ad attingere a un potenziale enorme. L’attrazione di Veronique per la Premier l’ha portata a bussare anche a casa del ricco United e qui potrebbero convergere sulla stessa strada i suoi desideri e quelli di Fabio Paratici. Rabiot può diventare una interessante contropartita per arrivare a Pogba, sogno indiscusso dei dirigenti bianconeri. Nessun approfondimento per il momento, ma la frenesia del francese potrebbe perfino aiutare nell’incastro ideale: una robusta plusvalenza ed un naturale passaggio di consegne in campo.



Fonte originale: Leggi ora la fonte