Ravenna. Condannati i due marittimi di origine turca che ordinarono lo sversamento di sostanze inquinanti nelle acque del porto

Condannati a 6 mesi di carcere e al pagamento di una ammentda di 6mila euro ciascuno il comandante e il direttore di macchina, i due marittimi di nazionalità turca che due anni fa diedero l’ordine di sversare nelle acque del porto di Ravenna l’olio motore esausto e altri prodotti inquinanti presenti nella motonave ‘Mia’.

Lascia un commento