Ravenna. Omicidio Ilenia Fabbri: il sicario grida in aula: ‘non sono un mostro’

In aula l’assassino di Ilenia Fabbri, la donna uccisa lo scorso febbraio nella sua abitazione, ha dato in escandescenza per il fatto di essere stato dipinto come un mostro. Ha trovato infatti insopportabile l’ascolto della registrazione di sue vecchie telefonate dalle quali emergevano pestaggi anche nei confronti di un disabile. ‘Non sono un mostro’ ha detto. Questo pur essendo stato lui a confessare di aver ucciso Ilenia per conto dell’ex marito Nanni.

Lascia un commento