Salvini: “Niente soldi dall’Ue. Conte preso in giro a Bruxelles”

Il Consiglio europeo è in una fase di stallo e, per stessa ammissione del premier, la trattativa si sta rivelando “più complicata del previsto”. Salvini: “Conte a Bruxelles lo stanno prendendo in giro, non arriverà una lira”

Non stanno arrivando buone notizie dal vertice europeo sul Recovery fund: quei soldi tanto ventilanti dal governo stanno diventando sempre più un miraggio e persino il premier Giuseppe Conte, avvilito dopo ore di negoziato, è apparso stanco durante l’irrinunciabile diretta Facebook di oggi.

Stremato dopo ore di trattative (il consiglio europeo ha avuto inzio ieri), il presidente del Consiglio ha infine dovuto ammettere la verità:“Si è rilevato complicato, più complicato del previsto”.

Al momento attuale ci troviamo in una condizione di stallo. Come era da aspettarsi, il più acerrimo avversario di Conte si è rivelato essere il primo ministro olandese Mark Rutte, che con i suoi veti continua a rendere più difficoltoso il lavoro al sedicente avvocato del popolo. Nessuna apertura nei confronti dell’Italia. Da poco è inoltre arrivata la notizia di un nuovo documento in cui i cosiddetti “Paesi frugali” chiedono al Consiglio europeo di applicare ai sussidi un ulteriore taglio di 155 miliardi.

Per alcuni rappresentanti della politica italiana quanto sta avvenendo in queste ore a Bruxelles non è affatto una sorpresa. Il leader della Lega Matteo Salvini è stato scettico nei confronti dei fantomatici aiuti elargiti dall’Unione europea sin dal principio. Anche quest’oggi l’ex vicepremier non ha mancato di criticare l’esecutivo e spronarlo ad agire senza chiedere interventi esterni.

“Siamo gli unici in Europa che stanno aspettando questi mille mila miliardi che tanto non arriveranno”, ha dichiarato mentre si trovava per un incontro con i cittadini a Grottaglie (Taranto), come riportato da “LaPresse”. “Il suggerimento a Conte, come quando hai un compagno più bravo in classe, è: copia. Copia dai francesi, copia dagli spagnoli, dai polacchi, persino dai greci, ma fai qualcosa”.

Spostatosi poi a Gallipoli, Salvini ha quindi rimarcato: “Stasera ai telegiornali vedrete che Conte è a Bruxelles, ma dall’Europa non arriverà mai una lira, dobbiamo contare solo sulla forza degli italiani e sui risparmi degli italiani”.

“Conte a Bruxelles lo stanno prendendo in giro, perché se qualcuno pensa che dall’Europa arrivi una lira si sbaglia”, ha aggiunto, come riportato da “AdnKronos“.

Duro anche il commento della presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. “Al Consiglio europeo in corso, i ‘nemici’ dell’Italia durante le trattative sono soprattutto i 4 ‘Paesi frugali'”, ha scritto stasera sulla propria pagina Facebook.“Olanda: governo di coalizione liberali (stesso gruppo europeo di Renzi) e popolari (stesso gruppo della Merkel). Svezia e Danimarca: governo socialista, stesso gruppo del PD. Austria: governo popolari/verdi. Ma per i soliti giornaloni ben informati e per la maggioranza PD-M5S, il problema sono ‘le destre’. Se questa gente pensasse più a difendere l’interesse nazionale italiano invece di perdere tempo a provare ad attaccare ‘i sovranisti’ per compiacere la Merkel e Macron, saremmo già un passo avanti”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte