Transparency,a politica donazioni per 50,5 mln nel 2018-19

(ANSA) – ROMA, 26 NOV – Nel periodo 2018-19 la politica ha
ricevuto donazioni – provenienti sia da privati che dagli stessi
gruppi parlamentari – per 50,558 milioni di euro. Lo rivela il
dossier di Trasparency “Soldi e politica” su finanziamenti e
conflitti di interesse nella politica. Il partito che ha
ricevuto il maggior numero di donazioni, 13,7 milioni di euro, è
la Lega, seguito da Pd (9,6 milioni) e M5S (8,9 milioni). I
primi tre partiti occupano circa il 64% dei finanziamenti totali
ricevuti. Più di un quarto di tutti i fondi (il 27,25%) è stato
destinato ad un singolo partito, cioè la Lega di Salvini.
    I principali donatori sono il Gruppo Parlamentare del Pd, con
2,3 milioni, Sinistra Ecologia e Libertà con 853 mila euro e
Sinistra Italiana con 496 mila euro. La Lega ha ricevuto dal
proprio gruppo parlamentare 437 mila euro. “Le donazioni fatte
da persone fisiche (alcune delle quali sono imprenditori) –
spiega il rapporto -, ammontano al 15,42% (7,796 milioni di
euro) dei finanziamenti alla politica, mentre le aziende private
hanno donato il 5,99% (3,207 milioni di euro). Le donazioni
fatte dai parlamentari rappresentano la parte più rilevante e
ammontano al 68,7% (34,755 milioni di euro). Ciò può essere
considerato come una sorta di finanziamento pubblico indiretto,
dato che solitamente una parte degli stipendi dei politici (che
sono pagati dallo stato) viene richiesta dal partito stesso come
donazione”.
    “Questo significa – sottolinea Trasparency – che la
sostenibilità del sistema è basata sulle entrate derivanti da
membri già eletti in Parlamento, dando loro una sorta di potere
nei confronti dei partiti stessi. C’è un evidente rischio per la
pluralità del sistema democratico, in cui diventa molto
difficile poter competere per i nuovi attori”.
    La somma totale donata alle associazioni, fondazioni e
comitati politici ammonta a 10.001.277,9 euro, un quinto dei
finanziamenti alla politica nel 2018-2019 (19,78%). (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte