Trovamascherine, così funziona la app ideata da 4 cervelli in fuga

Quattro giovani “cervelli in fuga” e un’idea per sostenere il loro Paese in questo momento difficile, a cavallo tra l’emergenza Coronavirus e l’inizio della Fase 2. Ecco come è nato in una manciata di giorni Trovamascherine.org, un sito, o web app che dir si voglia, raggiungibile da smartphone o computer, che permette di individuare quali farmacie nella propria zona abbiano mascherine o altri dispositivi di protezione individuale.

Niente più spostamenti inutili o caccia al tesoro tra farmacie, insomma: quelle aderenti comunicano al portale la loro disponibilità di mascherine, guanti monouso, gel disinfettante e termo-scanner, e gli utenti possono accedere ai dati in tempo reale. In tutta Italia hanno già aderito 500 farmacie, grazie anche al supporto di Federfarma e alla Federazione Ordine Farmacisti Italiani che ha patrocinato il progetto. La piattaforma è gratuita e open source, il progetto è senza scopo di lucro.

A realizzarla sono stati Giovanni Fassio, originario di Asti, consulente strategico a Boston e laureato ad Harvard, Enrico Goitre, anche lui di Asti, avvocato e laureando a Oxford, Andrea Casasco, di Brescia, laureato ad Harvard e attualmente a New York, e Luca Cioria, di Vimercate, laureato ad Illinois Chicago e cofondatore a Milano di buildo.io, che ha sviluppato tecnicamente il progetto.

video di Giulia Destefanis



Fonte originale: Leggi ora la fonte