Under 21: a settembre si riparte,amichevole con Slovenia

(ANSA) – ROMA, 16 LUG – Quasi 10 mesi dopo l’ultima partita
ufficiale, a novembre nello stadio Massimino di Catania contro
l’Armenia, la Nazionale Under 21 tornerà in campo giovedì 3
settembre (alle 17,30) allo stadio ‘Guido Teghil’ di Lignano per
affrontare la Slovenia.
    Imbattuta con i pari età sloveni (7 vittorie e un pareggio),
l’Under 21 giocherà per la prima volta nella propria storia a
Lignano Sabbiadoro per poi partire alla volta della Svezia, dove
martedì 8 settembre alla ‘Guldfaegeln Arena’ di Kalmar
riprenderà il cammino verso la qualificazione alla fase finale
dell’Europeo contro la Nazionale di casa.
    “Non vedo l’ora di tornare in campo – le parole
dell’allenatore Paolo Nicolato – in 30 anni di carriera non mi
era mai capitato di rimanere fermo per quasi un anno. Vista
anche l’incognita legata alle condizioni fisiche convocherò più
giocatori del solito; l’amichevole contro la Slovenia servirà
per valutare quei ragazzi che non ho ancora avuto modo di vedere
e che possono farci ampliare la rosa. Le tante sfide ravvicinate
in campionato hanno permesso ad alcuni giovani di mettersi in
mostra, li stiamo seguendo tutti con la massima attenzione”.
    Gli azzurrini sono secondi in classifica nel Gruppo 1, con 13
punti in 5 partite (4 vittorie e un pareggio, 15 gol realizzati
e 0 subiti), a 3 lunghezze dalla capolista Irlanda che, però, ha
disputato due partite in più. L’Italia cercherà di chiudere il
girone al primo posto o di piazzarsi tra le 5 migliori seconde
classificate dei 9 gironi, che si uniranno alle Nazionali dei
due Paesi ospitanti, Ungheria e Slovenia, per una fase a gironi
con 4 gruppi da 4 squadre (24-31 marzo 2021). Le vincitrici dei
gruppi e le seconde si qualificheranno per la final eight in
Ungheria e Slovenia (31 maggio-6 giugno) a eliminazione diretta.
    “Il nostro obiettivo – ricorda Nicolato – è qualificarci per
l’Europeo e di fornire più giocatori possibili alla Nazionale
maggiore”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte