Violenza donne: Sassoli, porre fine a questa piaga sociale

“Oggi è la giornata internazionale per lïeliminazione della violenza contro le donne. Ne dobbiamo parlare per molti motivi: per liberare le voci delle vittime e aiutarle a rompere il silenzio. Dobbiamo parlarne per aumentare la consapevolezza e per esprimere il nostro impegno verso la non violenza e l’uguaglianza. Soprattutto, dobbiamo parlarne per trovare soluzioni e porre fine a questa piaga che colpisce la nostra società”. Così il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, all’apertura dei lavori della plenaria.

“Quest’anno la crisi del Covid-19 ha rivelato e intensificato questa violenza, soprattutto quella domestica. Spesso – ha evidenziato il presidente del Pe – ciò è avvenuto in modo subdolo a porte chiuse, senza possibilità di fuga, anche perché in molti Stati membri i rifugi e le linee di assistenza erano carenti o non sufficientemente finanziati. Questo è inaccettabile”.

“Il Parlamento europeo – ha detto ancora Sassoli – continuerà ad insistere affinché tutti gli Stati membri dell’UE ratifichino la Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e lavoreremo per presentare una direttiva sulla lotta alla violenza di genere”.

“Le nostre istituzioni pubbliche – ha proseguito – hanno un ruolo decisivo da svolgere e devono essere vicine ai cittadini ed essere in grado di aiutarli. Anche per questo sono orgoglioso che il Parlamento europeo sia riuscito, durante i negoziati sul nuovo quadro finanziario pluriennale, a garantire 0,8 miliardi di euro di più per il programma “Diritti e valori”, che prevede finanziamenti per la parità di genere e la lotta alla violenza contro le donne e le ragazze. Inoltre, la Commissione – ha concluso Sassoli – svilupperà una metodologia per valutare i finanziamenti comunitari volti a promuovere la parità tra i sessi e a migliorare l’integrazione della dimensione di genere nei programmi comunitari”. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte